faretesto > scienza.* > scienza.matematica

Andrea Sorrentino (04.12.2017, 01:55)
Per x = 1 si ha : (n-1) * n * ( n+1) = n^3 - n* 1^2

Es.Reali :
1 * 2 * 3 = 2^3 -2 = 6
2 * 3 * 4 = 3^3 -3 = 24
4 * 5 * 6 = 5^3 -5 = 120.
5 * 6 * 7 = 6^3 -6 = 210
2.2 * 3.2 * 4.2 = 3.2^3 -3.2 = 29.568

Per x = 2 si ha : (n-2) * n * ( n+2) = n^3 - n* 2^2
1 * 3 * 5 = 3^3 - 3*2^2 = 27 - 12 = 15
2 * 4 * 6 = 4^3 - 4*2^2 = 64 - 16 = 48
2.3*4.3*6.3 =(4.3)^3-(4.3*2^2)=79.507-17.2 = 62.307

Per x = 3 si ha : (n-3) * n * (n+3) = n^3 - n* 3^2
47 * 50 * 53 = 50^3 - (50*9) = 124550

Attualmente questo Teorema sembra superfluo, poiché non esiste nessuna
applicazione. Ma in realtà le applicazioni verranno proprio per il fatto
che esiste il Teorema-

Andrea Sorrentino. Inventore.
feynman (04.12.2017, 18:23)
Il 04/12/2017 00:55, Andrea Sorrentino ha scritto:

> Attualmente questo Teorema sembra superfluo, poiché non esiste nessuna
> applicazione.


più che altro è superfluo perché banale.
Basta moltiplicare i polinomi et voilà la dimostrazione è fatta.
Alla portata di qualsiasi studente di prima media superiore.

ciao
feynman
Andrea Sorrentino (04.12.2017, 20:36)
Il giorno lunedì 4 dicembre 2017 17:23:06 UTC+1, feynman ha scritto:
> Il 04/12/2017 00:55, Andrea Sorrentino ha scritto:
> > Attualmente questo Teorema sembra superfluo, poiché non esiste nessuna
> > applicazione.

> più che altro è superfluo perché banale.
> Basta moltiplicare i polinomi et voilà la dimostrazione è fatta..
> Alla portata di qualsiasi studente di prima media superiore.


Ciao feynman,
Permettimi di dirti che solo il 10% dei ragazzi, diplomati compresi
sa moltiplicare un polinomio, io nella mia passione ne conosco tanti, e
quando ho spiegato loro il primo teorema, sono rimasti increduli, e solo dopo
le mie spiegazioni si sono resi conto che 4*5*6 vale 5^3 - 5.
Senza dire che la maggior parte odia la matematica perché astrusa più che
astratta.
Tu forse parli di Ragazzi che non esistono, prova a spiegare loro perché :
0.5^2 fa 0.25, fagli capire 0.5 di cosa e 0.25 di cosa...
Magari ti rendi conto che la matematica la conoscono solo i professionisti...
Prova a dire ad un medico quanti cm^3 esistono in 0.1^3.
E parliamo di medici che hanno fatto il liceo..e non la terza media!!

Io lo faccio spesso e ti assicuro che non e' bello come pensi tu.
Magari fosse come dici.

Comunque io ho voluto pubblicare questa estensione per completare il mio
primo Teorema, so benissimo che che voi lo sapete bene, tuttavia chi
insegna dovrebbe sviscerare le cose semplici e non c'entra che siano
elementari, poichè sono la base per il resto, come pensi che io abbia
fatto a trovare "e" con la purissima aritmetica ?
E come pensi che abbia fatto a trovare il semi-lato del quadrato dalla
formula gemella per trovare l'area del cerchio ?

Comunque grazie per la tua gentilissima risposta, ma io penso a coloro
che dovrebbero essere messi in grado di innamorarsi della scienza matematica.
Fate i bravi e spiegate le basi la logica e il senso corretto della matematica.

Io abbino la matematica alla realtà, perchè la uso per realizzare
e progettare al meglio le mie invenzioni, tipo un cuscinetto meccanico
privo di attrito radente che può girare a secco, oppure il piano perfetto
del biliardo. Ora sto lavorando sulla idea di una macchina per l'ecografia
tridimensionale, che sia in grado di riprodurre qualsiasi organo.
Ma sono ancora nella fase di programmare la modalità migliore su cui
farla lavorare. Quindi accetto buoni consigli et idee o insegnamenti.

Ciao, e grazie. Andrea Sorrentino. Inventore.
fmassei (05.12.2017, 01:46)
On Monday, December 4, 2017 at 1:36:21 PM UTC-5, Andrea Sorrentino wrote:
> Permettimi di dirti che solo il 10% dei ragazzi, diplomati compresi
> sa moltiplicare un polinomio


Appena diplomati lo devono saper fare per forza, altrimenti prendere la
maturità la vedo dura, qualsiasi liceo/professionale/indirizzo sia.

Se si prende tutta la popolazione italiana, i (pessimi) dati OSCE che ci
mettono in fondo alla classifica europea come conoscenze matematiche,
dicono che al livello "fondamentale per affrontare e gestire problemi di
natura matematica nelle diverse situazioni della vita adulta" arriva solo
il 29%.

Il problema non è che non sanno moltiplicare un polinomio, per quello
quasi tutti sanno la regoletta, e volendo te lo fanno: il problema è che al
70% della popolazione mancano i concetti di base necessari a usare la
matematica di ogni giorno - al di fuori degli esercizi di scuola.

Spero vivamente sia perché qualunque ragazzo sappia farsi due conti sene
va altrove! :)

Ciao!
Andrea Sorrentino (05.12.2017, 17:51)
Il giorno lunedì 4 dicembre 2017 15:46:04 UTC-8, fma...@gmail.com ha scritto:
> On Monday, December 4, 2017 at 1:36:21 PM UTC-5, Andrea Sorrentino wrote:
> Appena diplomati lo devono saper fare per forza, altrimenti prendere la
> maturità la vedo dura, qualsiasi liceo/professionale/indirizzo sia.
> Se si prende tutta la popolazione italiana, i (pessimi) dati OSCE che ci
> mettono in fondo alla classifica europea come conoscenze matematiche,
> dicono che al livello "fondamentale per affrontare e gestire problemi di
> natura matematica nelle diverse situazioni della vita adulta" arriva solo
> il 29%.


Questo è un problema sociale che, pur volendo, non possiamo risolvere,
si risolverà quando si capirà che la scienza è il massimo del benessere,
poiché da essa viene il progresso, la pace e il piacere di vivere.

Io e te, caro feynman, siamo giunti a questo dialogo che, spero sia molto
Costruttivo, su queste basi : Io ho pensato di diffondere un Teorema che
ho tirato fuori dalla mia ricerca, ricerca che non si è mai limitata allo studio
del saputo, ma è stata sempre alimentata dalla passione e dalla vogliadi
evolvere e semplificare la Scienza Matematica, mia atavica passione.

Come qui, tutti sapete ho cercato di infrangere, superare o chiarire delle cose
fondamentali, tipo l'unificazione dei due neutri, 0 per la somma/sottrazione
e 1 per la moltiplicazione/divisione. Da qui nacque la T.u.n.ze = (Teoria dell'unico
neutro ze.ro, che non ebbe una bella accoglienza, anzi, pessima accoglienza..
In realta' allora ( (2000-2011) io stesso non ho avuto la capacità di difenderla..
In seguito si è trasformata in T.n.p. ovvero Teoria del neutro piccolo...Tipo :
O*o*i =mm*cm*dm =1000mm^3 =1cm^3;; o*i*1= i^3 = 1000cm^3 = 1L.
Come puoi osservare questi passaggi sono già i presupposti della Matematica
tridimensionale.

Ora se ci pensi, devi dedurre che queste impostazioni sono utilissime e fanno parte
del sistema matematico del futuro, io attualmente sto cercando la migliore
applicazione per fare una stampante Tridimensionale che può avere diverse
applicazioni, può creare una statua di marmo come copia perfetta di unuomo dopo
averlo scannerizato, può riprodurre qualsiasi batterio esistente e circolante in
qualsiasi essere vivente, che non mi sembra trascurabile..

Come vedi io non ho fatto il Teorema dal mio saputo, l'ho creato dalla mia necessità.
Ma cosa vuoi che importi ad un ragazzo che studia per passare gli esami,
di generalizzare un Teorema, di cui non sa cosa farsene nè a cosa serve o potrebbe
servire ? Per esserci Ricerca, ci deve essere una forte motivazione o necessità di
superare qualche problema, ma è essenziale avere l'idea del superamento del problema !

Spero che il mio dire sia valutato esattamente per quello che è e chepuò significare;
darsi una mano per costruire il meglio, aldilà dei propri egocentrismi, mi auguro che
sorga la voglia per costruire e progettare il meglio per il benessere di tutti i presenti
e i futuri che lo continueranno.

Un abbraccio amichevole da Andrea Sorrentino. Inventore.
paolapannuti (05.12.2017, 17:56)
Il giorno martedì 5 dicembre 2017 16:51:19 UTC+1, Andrea Sorrentino hascritto:

> Un abbraccio amichevole da Andrea Sorrentino. Inventore.


Non ho capito niente, escluso l'abbraccio amichevole, che quindi contraccambio di cuore :-)
radicale.001 (05.12.2017, 18:48)
Il giorno lunedì 4 dicembre 2017 19:36:21 UTC+1, Andrea Sorrentino ha scritto:

> perché :
> 0.5^2 fa 0.25, fagli capire 0.5 di cosa e 0.25 di cosa...


nessun "di cosa", non ce nè bisogno

guarda :

10 * 0,5 = 5 perchè sarebbe 0,5 + 0,5 + ... + 0,5 ossia
0,5 PRESO (interamente) DIECI VOLTE.

E fa 5

Poi :

1*0,5 = 0,5 perche è 0,5 PRESO (interamente) UNA VOLTA

E allora 0,5 * 0,5 non è altro che 0,5 PRESO A META' UNA VOLTA
ossia la metà, ossia appunto 0,25
facilissimo
paolapannuti (05.12.2017, 18:49)
Il giorno martedì 5 dicembre 2017 17:48:04 UTC+1, radica...@gmail.com ha scritto:
[..]
paolapannuti (05.12.2017, 18:50)
Il giorno martedì 5 dicembre 2017 17:48:04 UTC+1, radica...@gmail.com ha scritto:
[..]
> E allora 0,5 * 0,5 non è altro che 0,5 PRESO A META' UNA VOLTA
> ossia la metà, ossia appunto 0,25
> facilissimo


eh? repeat please, anche speak slowly...
radicale.001 (05.12.2017, 20:40)
Il giorno martedì 5 dicembre 2017 17:50:37 UTC+1, paolap...@gmail.com ha scritto:
> Il giorno martedì 5 dicembre 2017 17:48:04 UTC+1, radica...@gmail.com ha scritto:
> eh? repeat please, anche speak slowly...


:-)

è semplicemente una interpretazione (una delle tante possibili,
come quella per esem che interpreta i numeri negativi con i debiti
e i positivi con i crediti) per creare un modello atto a giustificare
"perchè" 0,5 * 0,5 dia 0,25

Tutto qua

Potevo anche dire che se 0,5 è mezzo metro allora 0,5^2 è un quarto
di metro quadrato, ossia 0,25 m^2

Ho preferito non usare misure di "qualcosa", ma solo numeri astratti
per far vedere appunto che non cè bisogno di pensare a 0,5 di "qualcosa"

Ciao
Andrea Sorrentino (05.12.2017, 20:41)
Il giorno martedì 5 dicembre 2017 08:49:32 UTC-8, paolap...@gmail.com ha scritto:
> Il giorno martedì 5 dicembre 2017 17:48:04 UTC+1, radica...@gmail.com ha scritto:


Certo che non fa una piega..ma tu devi dare la logica alla funzione : Moltiplica--
che come lo dici tu, non moltiplica, bensi divide, ma cosa divide ?
Devi immaginare che non sai niente di come funziona il sistema e vuoi sapere
Il vero perché, Il vero perché è geometrico :
Io l'ho spiegato dicendo : 1*1 =1m^2 ;; 5i *5i = 25i^2, cioè 1/4 di m^2, per i = 1dm-
Ed ho aggiunto : attenzione che 0.25 Non è minore di 0.5...
Perché 0.5 è una linea mentre 0.25 è un quadrato formato da 5i*5i = 25i^2.
Qui si vede bene che Moltiplica..e non divide...quindi il ragazzo Capisce la Logica.
Magari le spiegassero a scuola queste cose basilari..formerebbero tanti Geni...

Ora se ci pensi bene la mia spiegazione vale sempre, perchè su questa logica
del quadrato bidimensionale è costruita tutta la geometria che è la base di
qualsiasi analisi e funzioni varie. (Bidimensionali)
In pratica, tu hai dato una spiegazione, ma non hai dato un modello che vale sempre.
Prendi ad es. la radice cubica di 0.1, perché vale : 0.4641.. ?
Perché quel 0,1 è il decimo del m^3 e quindi 100L.
E se dici (4.641..i)^3, ottieni esattamente 100i^3 = 100L.

Ciao..e ben trovato! Andrea Sorrentino. Inventore.
radicale.001 (05.12.2017, 21:06)
Il giorno martedì 5 dicembre 2017 19:41:01 UTC+1, Andrea Sorrentino hascritto:
[..]
> Perché quel 0,1 è il decimo del m^3 e quindi 100L.
> E se dici (4.641..i)^3, ottieni esattamente 100i^3 = 100L.
> Ciao..e ben trovato! Andrea Sorrentino. Inventore.


Eh no. Perchè quel tuo i alle volte perde di senso.

(
Questo i è il "qualcosa" che i numeri misurano. Ad es 0,5 di metri,
di decimetri ecc ecc
)

perchè se hai 0,5 secondi per 0,5 secondi otterresti 0,25 secondi
al quadrato.
Che sono, geometricamente, quadrati aventi mezzo secondo per lato ?
Quadratini di tempo ? Non ha senso

Oppure

se hai 0,5 litri per o,5 litri ottieni 0,25 litri al quadrato. E
che sono i litri al quadrato ? Non ha senso
:-)

Quindi dire che i numeri devono per forza misurare qualcosa è
sbagliato, perchè a seconda di quel qualcosa alle volte va bene
e alle volte va male
E difatti tu dici che 0,25 non è minore di 0,5. Ovvio, perchè il
0,5 si riferisce a una linea e il 0,25 a un' area. Che non sono
comparabili.

Una mela non è ne maggiore ne minore di una pera

Invece 0,25 come numero astratto è sempre minore di 0,5 dunque
0,5^2 < 0,5 e rimane minore SE E QUANDO esprimono le stesse
cose : due aree, due volumi, due pesi ecc ecc
Andrea Sorrentino (06.12.2017, 00:31)
Il giorno martedì 5 dicembre 2017 11:06:25 UTC-8, radica...@gmail.com ha scritto:
> Il giorno martedì 5 dicembre 2017 19:41:01 UTC+1, Andrea Sorrentino ha scritto:
> Eh no. Perchè quel tuo i alle volte perde di senso.


Tu consideralo come intero e vedrai che in senso ce lo ha benissimo.
> Questo i è il "qualcosa" che i numeri misurano. Ad es 0,5 di metri,
> di decimetri ecc ecc


0.5 di dm, non sono altro che 5cm, dove lo vedi il problema ?
non fai altro che dire 5o* 5o = 25o^2 che non e' altro che 1/4 di i^2. Per o = cm.

> perchè se hai 0,5 secondi per 0,5 secondi otterresti 0,25 secondi
> al quadrato.
> Che sono, geometricamente, quadrati aventi mezzo secondo per lato ?
> Quadratini di tempo ? Non ha senso


Che non sono altro che 25o^2 ( dei 100o^2 di cui e' fatto il s^2.
Il senso non lo ha mai avuto, non ostante il fatto che tu dica s^2,
Il fatto che tu lo dica senza che sia diverso da : s è già un " non senso "
La matematica non l'ho creata io, io cerco di semplificarla o migliorarlo questo senso.. Non ti sei mai chiesto perché devi dire s^2 ??

Perché la logica si radica nella geometria del quadrato..altrimenti come faresti
a dire Mela *mela = mela ? Immagina invece di tagliare la mela in 10 pezzi,
quando moltiplichi avrai 10i*10i = 100i^2, allora puoi dire che 5i*5i =25ì^2
Resta il fatto che solo la quadratura ti permette di dire che 1 è Neutro.
Ma in realtà non lo è. Perché : 1*1*1 = 1m^3 = (10i)^3 = 1000i^3
Ma chi dice mai che i^3 = 1L. Il matematico dice 0,001 ma non dice di cosa
Altrimenti dovrebbe dire 0.001 di 1000L = 1L-
> Oppure
> se hai 0,5 litri per o,5 litri ottieni 0,25 litri al quadrato. E
> che sono i litri al quadrato ? Non ha senso
> :-)


Il litro^2 sarebbe 10dl *10dl = 100dl = 10L-
Basta considerare i come neutro e tutto diventa semplicissimo, infatti i*1 fa sempre
10i^2 = 1/10 di m^2, i*2 Fa sempre 20i = 0.2 di m^2 ecc. Non cambia nulla.
Cambia solo che anche i bambini capiscono subito il processo matematico.
Io cosa vuoi che ci faccia ?
I problemi sono nella testa dell'uomo, una volta che si abitua, non vuole cambiare.
Tuttavia il cambiamento in positivo è il segreto di Dio, della vita, edell'evoluzione-
Purtroppo sono pochissimi a pensare cosi.
> Quindi dire che i numeri devono per forza misurare qualcosa è
> sbagliato, perchè a seconda di quel qualcosa alle volte va bene
> e alle volte va male


Va bene, ma questo è un problema insito nel sistema,
Ma ricorda che 1/4 * 1 vale 1/4 di m^2

> E difatti tu dici che 0,25 non è minore di 0,5. Ovvio, perchè il
> 0,5 si riferisce a una linea e il 0,25 a un' area. Che non sono
> comparabili.


Sarebbero comparabili in un sistema lineare dove il neutro fosse il piccolo,
tipo 2,5i * 4i =10i dove i sarebbe la misura neutra. relativa al calcolo da fare.
I Maia operavano cosi, senza virgola e su una calcolatrice di pietra, eppure hanno
fatto calcoli astronomici impensabili persino per noi che usiamo i calcolatori...
> Una mela non è ne maggiore ne minore di una pera
> Invece 0,25 come numero astratto è sempre minore di 0,5 dunque
> 0,5^2 < 0,5 e rimane minore SE E QUANDO esprimono le stesse
> cose : due aree, due volumi, due pesi ecc ecc


Prova a pensare che 0.25 non è altro che 2.5i lineari e fai il cubo tiviene 15.625 Litri-
se fai 0.25^3 = 0.015625 di 1000L. però...Ma tu lo consideri quando compri un cubo
di vino di spigolo di 25cm ?? Quanto lo paghi ? 15,625 centesimi ? Pensaci....
Se costasse 1? al m^3 ?

Ciao. Andrea Sorrentino. Inventore.
Andrea Sorrentino (06.12.2017, 01:20)
Il giorno martedì 5 dicembre 2017 07:56:08 UTC-8, paolap...@gmail.com ha scritto:
> Il giorno martedì 5 dicembre 2017 16:51:19 UTC+1, Andrea Sorrentino ha scritto:
> > Un abbraccio amichevole da Andrea Sorrentino. Inventore.

> Non ho capito niente, escluso l'abbraccio amichevole, che quindi contraccambio di cuore :-)


Vedi che ciascuno riceve ciò che merita, e ciascuno merita ciò che capisce.
Io a chi ho risposto ? A Feynman ? o siete la stessa persona ?
Hai letto il mio Teorema che generalizza il primo Teorema...
Non so cosa vuoi sapere..scrivi e ti risponderò---

Ti abbraccio. Andrea Sorrentino. Inventore-
Wakinian Tanka (06.12.2017, 01:42)
Il giorno martedì 5 dicembre 2017 16:56:08 UTC+1, paolap...@gmail.com ha scritto:
....
> Non ho capito niente,


Allora mi tocca, a malincuore, intervenire, ma è l'ultima volta in questo thread e spero in tutti gli altri del tuo interlocutore.

Il tuo interlocutore, con il nick "socratis" ha IMPESTATO PER ANNI questo ng.
È IL PIÙ FOLLE TROLL DI TUTTI I TROLL.
EVITALO COME LA PESTE BUBBONICA se non vuoi Ri-trasformare questo ng in kilometri e kilometri di discussioni incredibilmente stupide e senza senso traun FOLLE CHE NON POTRÀ

*M A I* E POI *M A I*

capire nulla di qualsiasi cosa sensata possiate tentare di spiegargli.

Non cadete nella sua tela! Vi potrà dar l'impressione di "capire" di "imparare" di "ascoltare".

Ma lui N O N L O V U O L E!

uomo avvisato...

Discussioni simili