faretesto > scienza.* > scienza.chimica

Unilì (07.05.2018, 19:53)
Come mai da qualche anno la candeggina è stata "promossa" da irritante
a corrosiva? La composizione dovrebbe essere rimasta ipoclorito di
sodio + idrossido di sodio, giusto?
Wakinian Tanka (07.05.2018, 20:14)
Il motivo legale non lo so ma l'idrossido di sodio corrosivo lo e' di sicuro.
Unilì (07.05.2018, 20:27)
Wakinian Tanka ha spiegato il 07/05/2018 :
> Il motivo legale non lo so ma l'idrossido di sodio corrosivo lo e' di sicuro.


lo era anche 20 anni fa, allora
Soviet_Mario (07.05.2018, 20:55)
Il 07/05/2018 19:53, Unilì ha scritto:
> Come mai da qualche anno la candeggina è stata "promossa" da
> irritante a corrosiva? La composizione dovrebbe essere
> rimasta ipoclorito di sodio + idrossido di sodio, giusto?


CELOCHIEDELEUROPA (BUROSAURI a piede libero)
Wakinian Tanka (07.05.2018, 20:56)
Il giorno lunedì 7 maggio 2018 20:27:51 UTC+2, Unilì ha scritto:
> Wakinian Tanka ha spiegato il 07/05/2018 :
> > Il motivo legale non lo so ma l'idrossido di sodio corrosivo lo e' di sicuro.

> lo era anche 20 anni fa, allora


Mi sembra una constatazione ineccepibile.
Wakinian Tanka (07.05.2018, 21:27)
Il giorno lunedì 7 maggio 2018 20:55:15 UTC+2, Soviet_Mario ha scritto:
> Il 07/05/2018 19:53, Unilì ha scritto:
> > Come mai da qualche anno la candeggina è stata "promossa" da
> > irritante a corrosiva? La composizione dovrebbe essere
> > rimasta ipoclorito di sodio + idrossido di sodio, giusto?

> CELOCHIEDELEUROPA (BUROSAURI a piede libero)

ecomemai?
unmotivocidovràessere
Archaeopteryx (07.05.2018, 21:33)
On 07/05/2018 20:27, Unilì wrote:
> Wakinian Tanka ha spiegato il 07/05/2018 :
>> Il motivo legale non lo so ma l'idrossido di sodio
>> corrosivo lo e' di sicuro.

> lo era anche 20 anni fa, allora


Vogliamo parlare dei termometri a mercurio? Era
inoffensivo (beh, quasi) anche prima che fosse fatto
sparire e sostituito dal galinstan. Mia madre che è over
80 ha grosse difficoltà a usare termometri con quello
schifosissimo eutettico, resettarli è complicato
perché quella lega non è fluida come il mercurio e non
avendo la combinazione di forza e manualità necessarie
come prescritte dal manuale, ha già ricomprato un paio di
termometri. Con gli sfigmomanometri peggio mi sento.

Norme del piffero, fatte apposta per creare difficoltà su
cose piccole lasciando quelle importanti in secondo piano
fatte le debite proporzioni.
Wakinian Tanka (08.05.2018, 00:35)
Il giorno lunedì 7 maggio 2018 21:30:25 UTC+2, Archaeopteryx ha scritto:
> Vogliamo parlare dei termometri a mercurio? Era
> inoffensivo (beh, quasi) anche prima che fosse fatto
> sparire e sostituito dal galinstan. Mia madre che è over
> 80 ha grosse difficoltà a usare termometri con quello
> schifosissimo eutettico, resettarli è complicato
> perché quella lega non è fluida come il mercurio e non
> avendo la combinazione di forza e manualità necessarie
> come prescritte dal manuale,


Cioe' cosa prescrive il manuale?

> ha già ricomprato un paio di
> termometri.


Meglio ricomprare un termometro che correre il rischio di intossicarsi con il mercurio, secondo me. E' vero che ci sono norme sciocche, ma questo, imho, non mi sembra il caso: quando un termometro ad Hg cade e si rompe, partedel mercurio non si recupera e rimane nella stanza vaporizzando lentamente.. I vapori sono tossici e non serve aprire le finestre perche' il metallo liquido rimane presente per molto tempo.
Ciao.
Archaeopteryx (08.05.2018, 07:03)
> Cioe' cosa prescrive il manuale?

L'astuccio del termometro ha una specie di bizzarra presa
per le dita (non ricordo com'è fatta) e specifica come
usarla, è un movimento strano almeno per me.

> Meglio ricomprare un termometro che correre il rischio
> di intossicarsi con il mercurio, secondo me. E' vero
> che ci sono norme sciocche, ma questo, imho, non mi
> sembra il caso: quando un termometro ad Hg cade e si
> rompe, parte del mercurio non si recupera e rimane
> nella stanza vaporizzando lentamente. I vapori sono
> tossici e non serve aprire le finestre perche' il
> metallo liquido rimane presente per molto tempo. Ciao.


Sul serio la quantità di mercurio in un termometro
potrebbe produrre una concentrazione tossica nel volume di
una stanza? E io che ho sempre conservato il mercurio
quando si rompeva un temometro, dovrei averne una
bottglietta (ma molto piccola) da qualche parte. E poi
dovrebbe avere una tensione di vapore non tanto alta,
sempre a quanto ricordo.
Unilì (08.05.2018, 07:15)
Nel suo scritto precedente, Wakinian Tanka ha sostenuto :
> Il giorno lunedì 7 maggio 2018 20:55:15 UTC+2, Soviet_Mario ha scritto:
> ecomemai?
> unmotivocidovràessere


probabilmentequalcunocisièfattomaleehafattocausaal produttoreealloradorainpoiscriverannocorrosivoanch esullebottigliediMonossidoDiDiidrogenochecomprials upermercatoconmarchiolevissima,vera,lete,ecc
Wakinian Tanka (08.05.2018, 09:40)
Il giorno martedì 8 maggio 2018 07:03:06 UTC+2, Archaeopteryx ha scritto:
> L'astuccio del termometro ha una specie di bizzarra presa
> per le dita (non ricordo com'è fatta) e specifica come
> usarla, è un movimento strano almeno per me.
> Sul serio la quantità di mercurio in un termometro
> potrebbe produrre una concentrazione tossica nel volume di
> una stanza?


Se non e' dentro un recipiente si, e' cosa nota e ne abbiamo discusso anni fa.

> E io che ho sempre conservato il mercurio
> quando si rompeva un temometro, dovrei averne una
> bottglietta (ma molto piccola) da qualche parte.


Finche' sta dentro un recipiente, no problem.
Wakinian Tanka (08.05.2018, 18:31)
Il giorno lunedì 7 maggio 2018 19:53:14 UTC+2, Unilì ha scritto:
> Come mai da qualche anno la candeggina è stata "promossa" da irritante
> a corrosiva? La composizione dovrebbe essere rimasta ipoclorito di
> sodio + idrossido di sodio, giusto?


A quale concentrazione di NaClO o di Cl2 disciolto e a quale pH? Ci sono incommercio molte concentrazioni diverse, ad es al 2% di Cl2 o al 35% di Cl2.. Non e' la stessa cosa.
Soviet_Mario (08.05.2018, 19:53)
Il 08/05/2018 18:31, Wakinian Tanka ha scritto:
> Il giorno lunedì 7 maggio 2018 19:53:14 UTC+2, Unilì ha scritto:
>> Come mai da qualche anno la candeggina è stata "promossa" da irritante
>> a corrosiva? La composizione dovrebbe essere rimasta ipoclorito di
>> sodio + idrossido di sodio, giusto?

> A quale concentrazione di NaClO o di Cl2 disciolto e a quale pH? Ci sono in commercio molte concentrazioni diverse, ad es al 2% di Cl2 o al 35% di Cl2.


GESU !!! Al 35 % di "cloro attivo" non ne ho mai letto. Se
l'hai vista in rete, me la segnaleresti ? Mi intriga da
paura. Penso che con una roba del genere ci puoi sverniciare
l'auto volendo (è ironica eh).

In mondo anglosassone andava di moda la "polvere sbiancante"
pura, o cloruro di CALCE, che a differenza di NaOCl (che non
è stabile come solido) è isolabile.
Ha una formula bruta tipo CaOCl2 per cui SEMBRA CaO*Cl2, ma
in realtà è un mix di CaCl2*Ca(OCl)2 ossia Ca(OCl)Cl.

> Non e' la stessa cosa.


cmq per tenere fisso il cloro e non farlo degassare (anche
con una certa riserva di protezione contr la carbonatazione
all'aria), è necessario avere un lieve eccesso di NaOH libera.
Per le soluzioni conc. (ad es. con Cl2 attivo > 5 %) imho
l'azione corrosiva prevalente è quella diretta, da parte di
OCl(-) e non tanto all'idrossido in sé. Però la pur poca
soda caustica, è più che sinergica, perché saponifica
rapidamente il film lipidico che protegge la pelle, e quindi
poi l'azione dell'ipoclorito diventa più efficace. Il sapone
formato è anche tensioattivo e facilita la penetrazione
anche nei pori e rugosità, tipo ghiandole sebacee e bulbi
piliferi, che normalmente si bagnano solo se stai a mollo
abbastanza a lungo da rigonfiare la cheratina morta. Una
pelle senza grasso e anzi rivestita di saponi, diventa più
vulnerabile ad uno ione in sol. acquosa tremendamente ossidante.
Wakinian Tanka (08.05.2018, 20:28)
Il giorno martedì 8 maggio 2018 19:53:51 UTC+2, Soviet_Mario ha scritto:
> Il 08/05/2018 18:31, Wakinian Tanka ha scritto:
> GESU !!! Al 35 % di "cloro attivo" non ne ho mai letto.


Probabilmente allora ricordo male. Forse era 25% e non di cloro ma di ipoclorito, comunque te lo faccio risapere se trovo un altro ferramenta che la vende (quello a cui l'acquistai anni fa non c'e' piu').

[..]
> cmq per tenere fisso il cloro e non farlo degassare (anche
> con una certa riserva di protezione contr la carbonatazione
> all'aria), è necessario avere un lieve eccesso di NaOH libera.


Altro che lieve! Una volta trovai (non ricordo come l'ho misurato) un pH > 13.
Anche per questo e' corrosiva.
[..]
Soviet_Mario (08.05.2018, 20:44)
Il 08/05/2018 20:28, Wakinian Tanka ha scritto:
> Il giorno martedì 8 maggio 2018 19:53:51 UTC+2, Soviet_Mario ha scritto:
> Probabilmente allora ricordo male. Forse era 25% e non di cloro ma di ipoclorito, comunque te lo faccio risapere se trovo un altro ferramenta che la vende (quello a cui l'acquistai anni fa non c'e' piu').


Il massimo che ho mai letto era 17 % e mi aveva già
impressionato. Anche il 25 lo renderebbe un reattivo ottimo.
Credo si possano persino tentare di preparare i "perferrati
VI" con una candeggina così forte, magari rinforzata con
altra NaOH in pastiglie.

Se ne hai ancora e possiedi un po' di toner da stampante o
di ruggine "pulita" e fina, potresti tentare.
Se si scioglie anche in parte e la soluzione diventa rosso
sangue, hai dei perferrati VI. Una bestiola stabile solo a
pH > 14, non a caldo (e chissà magari fotosensibile), con E°
= +2,8 V in amb. acido. Per confronto il fluoro è +3 V a pH
acido. E' il secondo più alto potenziale tra specie non
fluorurate che conosca. Anche più alto, mi pare, di
perxenati e criptonati. Dovrei controllare il dato
dell'acido iponitroso in acido ... forse è +2,85. Ma cmq
cineticamente il perferrato se lo magnia, altro che
permanganato !

> Altro che lieve! Una volta trovai (non ricordo come l'ho misurato) un pH > 13.
> Anche per questo e' corrosiva.


beh 13 in teoria sarebbe NaOH 0,1 M o 4 g/L.
In realtà presumo che uno normale piaccametro a vetro
commetta anche un certo "errore alcalino" (dovuto allo
scambio con lo ione sodio al posto del protone) dovuto anche
all'elevata salinità. Inoltre una base di alcalinità la
fornisce già l'idrolisi dell'ipoclorito, sicché pH 13 e
rotti probabilmente significa NaOH 0,5-0,8 M.
Non che sia acqua fresca eh, ma nemmeno devastante. Però il
potere tensioattivo indiretto rimane.
[..]

Discussioni simili