faretesto > scienza.* > scienza.chimica

Archaeopteryx (09.05.2020, 14:03)
Ciao NG,

Dato che la lega suddetta sta andando lentamente ma
inesorabilmente fuori legge e il suo sostituto è più
problematico per la saldatura, in un momento di
insicurezza ne ho fatto scorta. Adesso ho un bel
malloppone di rocchetti e mi sono ricordato che molte
leghe tendono a separarsi nei loro componenti; anzi, gira
voce tra i tecnici che diverse saldature difettose di
vecchi dispositivi elettronici lo siano proprio perché la
lega si è deteriorata.

Orbene, così a occhio e secondo voi, come potrei tentare
di rallentare il degrado nel tempo? Ho lega (no, non
quella) a sufficienza per tutto il resto della mia vita e
un altro decennio per eredi (che non avrò).

Ho pensato che evitargli il freddo possa giovare ma non
so, chiedo lumi e suggerimenti.
not1xor1 (11.05.2020, 06:03)
Il 09/05/20 14:03, Archaeopteryx ha scritto:
> Ciao NG,
> Dato che la lega suddetta sta andando lentamente ma
> inesorabilmente fuori legge e il suo sostituto è più
> problematico per la saldatura, in un momento di
> insicurezza ne ho fatto scorta. Adesso ho un bel
> malloppone di rocchetti e mi sono ricordato che molte
> leghe tendono a separarsi nei loro componenti; anzi, gira
> voce tra i tecnici che diverse saldature difettose di
> vecchi dispositivi elettronici lo siano proprio perché la
> lega si è deteriorata.


non saprei, comunque io sto ancora usando Sn-Pb comprato oltre 40 anni
fa senza alcun problema
Archaeopteryx (12.05.2020, 11:43)
> non saprei, comunque io sto ancora usando Sn-Pb
> comprato oltre 40 anni fa senza alcun problema


ottimo, mi sa che potrò andare tranquillo almeno per un
bel po'.
Soviet_Mario (12.05.2020, 14:27)
On 12/05/20 11:43, Archaeopteryx wrote:
>> non saprei, comunque io sto ancora usando Sn-Pb
>> comprato oltre 40 anni fa senza alcun problema

> ottimo, mi sa che potrò andare tranquillo almeno per un
> bel po'.


non ho capito esattamente a quale problema ti stessi
riferendo ... per caso alla "Peste dello stagno" ?

Quello disgrega lo stagno, almeno quello puro quando sta al
freddo per molto tempo.

Ma non so se e quanto sia applicabile alle leghe.

Non sono a conoscenza di altri problemi di
ricristallizzazione delle leghe sostituzionali ...

hai qualche parola chiave per fare qualche ricerca adatta ?
Mi incuriosisce 'sta cosa.
Wakinian Tanka (12.05.2020, 14:42)
Il giorno martedì 12 maggio 2020 14:27:23 UTC+2, Soviet_Mario ha scritto:
[..]
Soviet_Mario (12.05.2020, 14:59)
On 12/05/20 14:42, Wakinian Tanka wrote:
> Il giorno martedì 12 maggio 2020 14:27:23 UTC+2, Soviet_Mario ha scritto:
>> non ho capito esattamente a quale problema ti stessi
>> riferendo ... per caso alla "Peste dello stagno" ?
>> Quello disgrega lo stagno, almeno quello puro quando sta al
>> freddo per molto tempo.

> Probabilmente lo sai già: una teoria attribuisce a questo fenomenola disfatta della campagna di Russia di Napoleone: i bottoni dei cappotti dei soldati erano di stagno e le truppe hanno sofferto il freddo per vestizione insufficiente ...


no no, non sapevo ! Bizzarro non risolvere un problema
simile cmq ... qualche spilla o altro, mah
cmq hai mai letto di simili trasformazioni allotropiche e/o
di de-alligagione anche nelle leghe ?

Anzi ... sapevo che lo stagno venisse alligato (con bismuto
e piombo ad es.) anche proprio per migliorare la tenuta
contro la peste.

Gli smistamenti sono abbastanza normali nelle leghe
"interstiziali", con forti tensioni reticolari e fasi
metastabili.

Ma in quelle sostituzionali la cosa non me la ricordo (non
significa che non esista ! Magari ci sono composizioni
eutettiche che boh, tendono a cristallizzare da miscele non
eutettiche ... 10 anni fa avevo approfondito un po' le leghe
auree per gli odontotecnici, ma appunto, son passati 10 anni
e non ricordo più niente)
Archaeopteryx (12.05.2020, 16:00)
> non ho capito esattamente a quale problema ti stessi>
> riferendo ... per caso alla "Peste dello stagno" ?


Ni, ovvero so che quello è un problema diverso, se non
ricordo male la peste dello stagno è il nome di una forma
allotropica mentre io avevo in mente una lega. Però ha
fatto inconsciamente capolino quando ho pensato (e credo,
scritto) che avrei tenuto i rocchetti lontano dal freddo.

> hai qualche parola chiave per fare qualche ricerca
> adatta ? Mi incuriosisce 'sta cosa.


Nessuna; la cosa è venuta fuori sul gruppo FB dei tecnici
di alto livello (per capirci, alcuni sono quelli che fanno
la manutenzione degli strumenti negli istituti di
metrologia) e il livello è alto ma alto. Lì qualcuno
scrisse che diverse volte ha dovuto rifare le saldature a
vecchi dispositivi perché la lega si era deteriorata. Non
sono tipi da leggende metropolitane; penso invece si
potesse trattare di leghe diverse da quelle attuali, o che
le condizioni di stoccaggio siano state non idonee.

Non ho il coraggio di fare altre domande, li tartasso a
cadenza quotidiana; meglio che io sparisca per un po' di
tempo, poi magari torno alla carica e nel caso riferisco qui.
Archaeopteryx (12.05.2020, 16:03)
> Probabilmente lo sai già: una teoria attribuisce a
> questo fenomeno la disfatta della campagna di Russia
> di Napoleone: i bottoni dei cappotti dei soldati erano
> di stagno e le truppe hanno sofferto il freddo per
> vestizione insufficiente ...


Bel libro, meno romanzato della solita divulgazione
odierna (parlo ovviamente de "i bottoni di Napoleone"). Mi
era piaciuto poi sul gruppo di storia militare l'argomento
dei bottoni è stato demolito o meglio sepolto sotto una
valanga di cause economico-politico-militari a quanto pare
di ben maggior peso. Ovviamente non ho elementi per
valutare, non è escluso che come tutti, abbiano visto le
cose con i loro occhiali.
not1xor1 (13.05.2020, 07:18)
Il 12/05/20 16:00, Archaeopteryx ha scritto:
> Lì qualcuno
> scrisse che diverse volte ha dovuto rifare le saldature a
> vecchi dispositivi perché la lega si era deteriorata.


quello è un fenomeno che vale solo per le leghe senza piombo (tin
whiskers)

solito capolavoro dei politici che si preoccupano del piombo nelle
saldature e non delle tonnellate che vengono sparse ogni anno
nell'ambiente dai cacciatori ben protetti da attive lobbies
Archaeopteryx (13.05.2020, 08:44)
> quello ? un fenomeno che vale solo per le leghe senza
> piombo (tin whiskers)


Ottimo, allora so che non ho buttato i dineros, grazie! :)

> solito capolavoro dei politici che si preoccupano del
> piombo nelle saldature e non delle tonnellate che
> vengono sparse ogni anno nell'ambiente dai cacciatori
> ben protetti da attive lobbies


E' quella forse più potente di tutti, anche perché facendo
un conto del tutto immaginario, i cacciatori non sono
certo gente mite e uno di loro quanto ad aggressività (in
questo caso per difendere il loro diritto ad ammazzare)
vale 15 persone normali. Forse sono più intoccabili di
certi organi dello stato :D
Discussioni simili