faretesto > diritto.* > diritto.internet

Roberto Tagliaferri (18.01.2013, 12:05)


Commenti?
segarender (18.01.2013, 13:44)
"Roberto Tagliaferri" ha scritto nel messaggio
news:r6b1

>


Che è giusto che sia così, non puoi sputtanare per tutta la vita una
persona.

Dopo un certo tot, il diritto di cronaca deve decadere.

Se no, siamo al livello di schedatura generale, basta mettere il nome di
qualcuno o di qualche attività per vedere se ha o non ha avuto problemi di
rilievo da finire sui giornali.

Totalmente d'accordo con il giudice, dopo un tempo congruo, quanto può
essere 1-2-3 mesi cancellare tutto dai siti on line, e chi vuole cercarsi
l'articolo letto mesi prima, vada in biblioteca, in google è troppo facile
mettere un nome e vedere i risvolti grazie a giornali on line che lasciano
articoli pubblicati per anni, questa per il mio modestissimo parere si
chiama condannare la persona che ha sbagliato ad un ulteriore pena: la
pubblica gogna per tutta la vita.
pot (18.01.2013, 14:28)
"segarender" <segarender>:
>"Roberto Tagliaferri" ha scritto nel messaggio
>news:r6b1
>>

>Che è giusto che sia così, non puoi sputtanare per tutta la vita una
>persona.
>Dopo un certo tot, il diritto di cronaca deve decadere.


E chi lo decide il tot? E cos'è il diritto di cronaca? Quando si parla
di una persona pubblicamente, per esempio, non si deve poter andare
indietro più di un paio d'anni? O non più di un paio d'anni solo per i
comportamenti vergognosi? Cronaca buona?

>Se no, siamo al livello di schedatura generale, basta mettere il nome di
>qualcuno o di qualche attività per vedere se ha o non ha avuto problemi
>di rilievo da finire sui giornali.


È un problema, ma una situazione opaca è peggio secondo me. In Italia
si tende a favorire l'opacità e il non disturbo.
Skull (18.01.2013, 14:42)
On 1/18/13 1:28 PM, pot wrote:

> E chi lo decide il tot? E cos'è il diritto di cronaca? Quando si parla
> di una persona pubblicamente, per esempio, non si deve poter andare
> indietro più di un paio d'anni? O non più di un paio d'anni solo per i
> comportamenti vergognosi? Cronaca buona?
> È un problema, ma una situazione opaca è peggio secondo me. In Italia
> si tende a favorire l'opacità e il non disturbo.


Eh.
Parlassimo poi di un paese che non ha problemi di malaffare in cariche
pubbliche, ça va sans dire...
segarender (18.01.2013, 15:12)
Il discorso è che all'interessato per davvero ci sono sempre gli archivi e
ci arriva tranquillamente.
Almeno da internet secondo me andrebbero tolte.

Poi possiamo disquisire su personaggi pubblici (fdo, politici & co.) e
poveri cittadini.

Direi che 3 mesi è un tempo più che congruo per l'on line.... poi
cancellato.
Chi vuole fare le indagini più a fondo, se le faccia diversamente.

Non puoi dare una condanna vitalizia ad una persona, prendi esempio uno che
ha rubato al supermercato o che ha rubato un auto o qualunque cosa sia, è
stato condannato ha espiato la sua pena, ma la pubblica gogna quando
terminerà?

A dire il vero io pensavo che su semplice richiesta un articolo sparisse e
pensavo anche che non si potesse andare indietro più di un tot, il buon
senso in itaGlia è andato a fare in culo da molto....
roberto (18.01.2013, 20:42)
segarender ha scritto:
> Il discorso è che all'interessato per davvero ci sono sempre gli archivi
> e ci arriva tranquillamente.
> Almeno da internet secondo me andrebbero tolte.
> Poi possiamo disquisire su personaggi pubblici (fdo, politici & co.) e
> poveri cittadini.
> Direi che 3 mesi è un tempo più che congruo per l'on line.... poi
> cancellato.


Allora, tu vorresti che da wikipedia si togliesse la storia di bruto, o
di oswald, di chapman, di ruby (no, non quella, quello) ecc.ecc.
THe_ZiPMaN (19.01.2013, 02:44)
segarender wrote:
> Il discorso è che all'interessato per davvero ci sono sempre gli archivi
> e ci arriva tranquillamente.


Quali archivi? Perché non esiste alcun archivio delle notizie.
Esiste l'archiviazione dei giornali ma non l'archiviazione di notizie su
Internet (salvo volontaria DPR 3/5/2006, n.252)

> Almeno da internet secondo me andrebbero tolte.


E con quale motivo dovrei togliere una notizia riporta fatti falsi? E'
diffamante? Perché dovrei togliere la notizia che tu hai truffato i tuoi
clienti ma non quella della morte di un ragazzo in incidente stradale? O
vanno tolte entrambe?

> Poi possiamo disquisire su personaggi pubblici (fdo, politici & co.) e
> poveri cittadini.


No, non possiamo dal momento che siamo tutti uguali davanti alla legge
(almeno in teoria).

> Direi che 3 mesi è un tempo più che congruo per l'on line.... poi
> cancellato.


Ma che cavolo dici???? 3 mesi congruo? Ma se mi capita spessissimo di
andare a cercare notizie indietro di uno o due anni... non è congruo
proprio nulla.

> Chi vuole fare le indagini più a fondo, se le faccia diversamente.


Ovvero? Ma ragioni o stai solo trollando? Se la fonte di una notizia
viene rimossa come faccio ad indagare in altro modo?

> Non puoi dare una condanna vitalizia ad una persona,


E perché non potrei? L'ergastolo cos'è?

> prendi esempio uno
> che ha rubato al supermercato o che ha rubato un auto o qualunque cosa
> sia, è stato condannato ha espiato la sua pena, ma la pubblica gogna
> quando terminerà?


Quale pubblica gogna? Non è pubblica gogna lasciare un archivio di
notizie pubblicate liberamente consultabile a chi quelle notizie le ha
lette.
Puoi al limite dire che sia corretto che le ricerche di base si limitino
all'ultimo anno e solo con la ricerca avanzata vengano mostrati
risultati più vecchi, ma questo non vuol dire rimuovere. Se vado in
biblioteca ho accesso ai giornali anche di 50 anni fa... perché non
dovrei poter avere accesso al sito Interdet di 4 mesi fa?

> A dire il vero io pensavo che su semplice richiesta un articolo sparisse
> e pensavo anche che non si potesse andare indietro più di un tot,


Ma quando mai? Hai mai visto che da un giornale cartaceo spariscano gli
articoli? E hai mai visto che non siano consultabili giornali più vecchi
di 3 mesi? E perché mai per Internet dovrebbe essere diverso?

Se uno commette un reato perché non lo si dovrebbe sapere? Se per
esempio in un ristorante hanno truffato 100 clienti somministrando cibo
adulterato ben venga che lo si sappia anche dopo 10 anni... se i
proprietari sono rimasti gli stessi è giusto che chi va in quel
ristorante sappia quel che è avvenuto.

> il buon senso in itaGlia è andato a fare in culo da molto....


A leggere tante cretinate ne sono convinto anch'io.
segarender (19.01.2013, 14:58)
"THe_ZiPMaN" ha scritto nel messaggio news:g2g1

>Esiste l'archiviazione dei giornali ma non l'archiviazione di notizie su
>Internet (salvo volontaria DPR 3/5/2006, n.252)


ai giornali mi riferivo....

>> Almeno da internet secondo me andrebbero tolte.


>E con quale motivo dovrei togliere una notizia riporta fatti falsi? E'
>diffamante? Perché dovrei togliere la notizia che tu hai truffato i tuoi
>clienti ma non quella della morte di un ragazzo in incidente stradale? O
>vanno tolte entrambe?


paragoni del menga.... non ha senso nemmeno risponderti.

>> Poi possiamo disquisire su personaggi pubblici (fdo, politici & co.) e
>> poveri cittadini.


>No, non possiamo dal momento che siamo tutti uguali davanti alla legge
>(almeno in teoria).


Personaggi pubblici non ti dice che forse intendevo articoli che riguardano
la loro carica?!
Nel bene e nel male, la parte PUBBLICA di un personaggio pubblico.

>> Direi che 3 mesi è un tempo più che congruo per l'on line.... poi
>> cancellato.


>Ma che cavolo dici???? 3 mesi congruo? Ma se mi capita spessissimo di
>andare a cercare notizie indietro di uno o due anni... non è congruo
>proprio nulla.


A te che vuoi giocare al detective, voglio vedere come ti roderanno i
coglioni il giorno che per sfiga investirai (non per colpa) un pedone che ti
attraversa di corsa, vedo già il titolo "il sig xxxyyy (tuo nome vero)
investe un pedone, indagato per omicidio colposo" se non ti giano i coglioni
che dopo x tempo, anche dopo che ti hanno assolto, rimanga quel bel titolo
sul giornale on line.

Al solito si tira l'acqua al proprio mulino, obiettività quì è una materia
sconosciuta, tutti froci col culo degli altri.

>> Chi vuole fare le indagini più a fondo, se le faccia diversamente.


>Ovvero? Ma ragioni o stai solo trollando? Se la fonte di una notizia
>viene rimossa come faccio ad indagare in altro modo?


Sei pirla o lo fai? ci sono gli archivi dei giornali, se vuoi indagare ed
hai titolo per farlo ci sono molti altri modi per attingere alle notizie in
tempo reale, se non lo sapessi... se non hai titolo per accederci, vai in
biblioteca e ti guardi i giornali archiviati e ti fai tutte le ricerche del
cazzo che ti servono.

>> Non puoi dare una condanna vitalizia ad una persona,


>E perché non potrei? L'ergastolo cos'è?


Ok, sei un coglione. Se avessi incominciato a leggere da qui non ti avrei
nemmeno perso tempo a risponderti.

>> prendi esempio uno
>> che ha rubato al supermercato o che ha rubato un auto o qualunque cosa
>> sia, è stato condannato ha espiato la sua pena, ma la pubblica gogna
>> quando terminerà?


>Quale pubblica gogna? Non è pubblica gogna lasciare un archivio di
>notizie pubblicate liberamente consultabile a chi quelle notizie le ha
>lette.


Stai trollando, sei coglione? lo fai?...
Io posso aver letto un articolo oggi, ma fra 1 anno, 2 o chissà quanti, le
persone possono sia dimenticare, sia non aver mai letto il giornale ni quel
periodo, o semplicemente la persona cambia regione, non mi sembra giusto che
chiuque metta il tuo nome in google e salti fuori che 5 anni prima hai
rubato le mele al supermercato, questa si chiama condanna a vita, pubblica
gogna a vita. se sei fesso che non lo capisci problema tuo.

>Se vado in biblioteca ho accesso ai giornali anche di 50 anni fa... perché
>non
>dovrei poter avere accesso al sito Interdet di 4 mesi fa?


Forse perchè in biblioteca non metti un nome e ti viene fuori che è stato un
ladro?
Ma ci sei o ci fai?!

>> A dire il vero io pensavo che su semplice richiesta un articolo sparisse
>> e pensavo anche che non si potesse andare indietro più di un tot,


>Ma quando mai? Hai mai visto che da un giornale cartaceo spariscano gli
>articoli? E hai mai visto che non siano consultabili giornali più vecchi
>di 3 mesi? E perché mai per Internet dovrebbe essere diverso?


Gli archivi sono dei giornali, non metti un nome e ti salta fuori se ha
avuto rilevanze di cronaca, ci sei o ci fai?
Da internet, io metto il tuo nome e a distanza magari di 10 anni scopro che
hai rubato le mele al supermercato, ti piacerebbe?
Pensaci un pò.... IL caso dell'investimento era solo un esempio, il tuo nome
a vita su internet associato all'omicidio di una persona, pur colposo sempre
assassino (per l'opinione dei più) rimani.

>Se uno commette un reato perché non lo si dovrebbe sapere? Se per
>esempio in un ristorante hanno truffato 100 clienti somministrando cibo
>adulterato ben venga che lo si sappia anche dopo 10 anni... se i
>proprietari sono rimasti gli stessi è giusto che chi va in quel
>ristorante sappia quel che è avvenuto.


Si, come no, e se è stato un errore tu condanni a vita quelle persone, non
il ristorante, possono mettersi a fare qualunque altro lavoro, se metti il
loro nome in internet salta fuori ciò che è successo. Ti ricordo che in
molti casi, il giornale dice una cosa oggi, fra 3 anni magari sei assolto, e
nessuno rettifica un cazzo, il tuo nome è associato al primo articolo, ti
piacerebbe? omicida! (sempre riferito all'esempio sopra).

>> il buon senso in itaGlia è andato a fare in culo da molto....


>A leggere tante cretinate ne sono convinto anch'io.


Eh si, soprattutto alla tua trollata senza tempo e senza ritegno, te l'ho
detto, o sei pirla o sei coglione o lo stai semplicemente facendo, è un
fatto molto elementare che non ci debbano essere condanne a vita ad opera di
persone che non siano la giustizia e i giudici, e tu mi paragoni
l'ergastolo? e poi parli tu di cretinate?

Tu fai qualcosa a 20 anni, a 40 la generazione nata dopo il tuo fatto, che
quindi non poteva saperlo, metterà il tuo nome su internet e vedrà cio che
hai fatto... bello eh?

Se a me (esempio) mi condannano a 3 anni per un reato, dopo i 3 anni, è
giusto che abbia la condanna a vita del mio nome associato pubblicaente al
reato commesso? mah..... qui siamo fuori dall'ordinario.

Meno male che in giudizio la pensano come me.... meno male... Io credevo che
bastasse il buon senso di dire al giornale, cancella l'articolo via
internet, ma evidentemente la loro arroganza a portato ad andare per vie
legali.... Ora cè pure il precedente, quindi chi si trova in questa
situazione sa che il giornale viola la legge.
segarender (19.01.2013, 15:03)
"roberto" ha scritto nel messaggio
news:eln1

>Allora, tu vorresti che da wikipedia si togliesse la storia di bruto, o
>di oswald, di chapman, di ruby (no, non quella, quello) ecc.ecc.


Sono morti, e comunque son fatti di una rilevanza storica di un certo
valore....
Non sono il tizio che ha truffato, rapinato, rubato & co. pentito che vuole
una nuova vita senza la pubblica condanna dei giornali in internet.

Qui si parla di "piccoli" reati che possono bollare a vita una persona,non
di assassini brutali o persone di rilevanza storica per le loro azioni.

E non sono io giudicare, ma un giudice, forse ci ha visto una piccola, e
piccola persecuzione del giornale?
THe_ZiPMaN (19.01.2013, 22:14)
segarender wrote:
> A te che vuoi giocare al detective, voglio vedere come ti roderanno i
> coglioni il giorno che per sfiga investirai (non per colpa) un pedone
> che ti attraversa di corsa, vedo già il titolo "il sig xxxyyy (tuo nome
> vero) investe un pedone, indagato per omicidio colposo" se non ti giano
> i coglioni che dopo x tempo, anche dopo che ti hanno assolto, rimanga
> quel bel titolo sul giornale on line.


No, non mi girano i coglioni, se facendo una ricerca per nome e cognome
salta fuori l'articolo in cui si dice che sono stato assolto.
E se non sono stato assolto non mi girano i coglioni uguale visto che è
tutto vero. Dovrei forse nasconderlo? I coglioni girano solo a chi
normalmente ha qualcosa di cui vergognarsi.

> Al solito si tira l'acqua al proprio mulino, obiettività quì è una
> materia sconosciuta, tutti froci col culo degli altri.


Sì, per te sicuramente.

> Sei pirla o lo fai? ci sono gli archivi dei giornali, se vuoi indagare
> ed hai titolo per farlo ci sono molti altri modi per attingere alle
> notizie in tempo reale, se non lo sapessi... se non hai titolo per
> accederci, vai in biblioteca e ti guardi i giornali archiviati e ti fai
> tutte le ricerche del cazzo che ti servono.


Se la notizia è facilmente accedibile allora è idiota farla sparire dal
web. Se la notizia non è facilmente accedibile allora facendola sparire
dal web si crea un danno alla collettività.
Quindi direi che stai trollando o proprio non ci arrivi.

>>> Non puoi dare una condanna vitalizia ad una persona,

>> E perché non potrei? L'ergastolo cos'è?

> Ok, sei un coglione. Se avessi incominciato a leggere da qui non ti
> avrei nemmeno perso tempo a risponderti.


Sembrerebbe quasi che tu sia incappato in questa situazione... qualcosa
di cui vergognarti?

>> Quale pubblica gogna? Non è pubblica gogna lasciare un archivio di
>> notizie pubblicate liberamente consultabile a chi quelle notizie le ha
>> lette.

> Stai trollando, sei coglione? lo fai?...


Qui l'unico coglione sei tu. Non dare del tuo agli altri.

> Io posso aver letto un articolo oggi, ma fra 1 anno, 2 o chissà quanti,
> le persone possono sia dimenticare, sia non aver mai letto il giornale
> ni quel periodo, o semplicemente la persona cambia regione, non mi
> sembra giusto che chiuque metta il tuo nome in google e salti fuori che
> 5 anni prima hai rubato le mele al supermercato, questa si chiama
> condanna a vita, pubblica gogna a vita. se sei fesso che non lo capisci
> problema tuo.


Difatti non accade nemmeno oggi. Per esempio facendo una ricerca per un
noto ristorante di Trento che alcuni anni fa era finito su tutte le
prime pagine dei giornali locali per via della clonazione delle carte,
con tanto di processo al titolare finito con assoluzione piena, oggi non
c'è nessuna di quelle notizie nelle prime 3 pagine di google.
E in quarta pagina compare come risultato la sentenza di assoluzione.
Quindi solo un totale idiota dovrebbe lamentarsi del fatto che la
vicenda sia comunque indicizzata dato che la rilevanza dell'assoluzione
è in evidenza.

> Forse perchè in biblioteca non metti un nome e ti viene fuori che è
> stato un ladro?
> Ma ci sei o ci fai?!


Dì la verità che sei qui per trollare...

>> Ma quando mai? Hai mai visto che da un giornale cartaceo spariscano gli
>> articoli? E hai mai visto che non siano consultabili giornali più vecchi
>> di 3 mesi? E perché mai per Internet dovrebbe essere diverso?

> Gli archivi sono dei giornali, non metti un nome e ti salta fuori se ha
> avuto rilevanze di cronaca, ci sei o ci fai?


E quindi?

> Da internet, io metto il tuo nome e a distanza magari di 10 anni scopro
> che hai rubato le mele al supermercato, ti piacerebbe?


Già risposto sopra. Il danno lo fa la prima pubblicazione della notizia,
non la persistenza della stessa.
Anzi, paradossalmente la mancanza di persistenza è proprio un danno per
chi non ha nulla da nascondere. Se io avessi rubato le mele e fossi
finito sulla prima pagina del giornale il danno lo ho in quel momento e
nei mesi subito seguenti.
Se poi venissi assolto avrei solo piacere che la mia assoluzione andasse
a finire sulle prime pagine di tutti i giornali e che una ricerca su
Internet desse come risultato la mia assoluzione; e che fossero a
disposizione anche gli articoli della gogna mediatica cui sono stato
sottoposto.

> Pensaci un pò.... IL caso dell'investimento era solo un esempio, il tuo
> nome a vita su internet associato all'omicidio di una persona, pur
> colposo sempre assassino (per l'opinione dei più) rimani.


Tanto uguale. Ho un amico che ha vissuto esperienza analoga. Per colpa
di giornalisti idioti si è visto sbattuto in prima pagina con accuse
infamanti che alla fine erano solo stupidate enfatizzate per la cronaca.
Ha beccato anche un risarcimento dal giornale. Se cerchi il suo nome
salta fuori ancora la notizia, ma prima della notizia originale saltano
fuori la condanna del giornale e la sua assoluzione dai fatti ascritti.
Non se n'è mai fatto un problema, forse perché non aveva nulla da
nascondere.

> Si, come no, e se è stato un errore tu condanni a vita quelle persone,
> non il ristorante,


Se c'è stato un errore non c'è stato dolo. Capisco che per te sia
difficile comprendere simili concetti, ma forse con un po' di
applicazione ci arrivi.

> possono mettersi a fare qualunque altro lavoro, se
> metti il loro nome in internet salta fuori ciò che è successo.


No.

> Ti
> ricordo che in molti casi, il giornale dice una cosa oggi, fra 3 anni
> magari sei assolto, e nessuno rettifica un cazzo, il tuo nome è
> associato al primo articolo, ti piacerebbe? omicida! (sempre riferito
> all'esempio sopra).


E questo non c'entra nulla con la questione di cui sopra. Un conto è il
diritto alla rettifica o alla comunicazione di variazioni con la
medesima enfasi, un conto è la cancellazione della storia. Non è
difficile, dai che forse fra un mesetto ci arrivi.

>>> il buon senso in itaGlia è andato a fare in culo da molto....

>> A leggere tante cretinate ne sono convinto anch'io.

> Eh si, soprattutto alla tua trollata senza tempo e senza ritegno, te
> l'ho detto, o sei pirla o sei coglione


Ti ripeto che non serve che dai del tuo agli altri.

> Tu fai qualcosa a 20 anni, a 40 la generazione nata dopo il tuo fatto,
> che quindi non poteva saperlo, metterà il tuo nome su internet e vedrà
> cio che hai fatto... bello eh?


No, metterà il mio nome su Internet e vedrà mille altre cose prima di
quello. Tra cui vedrà mille altre cose di miei omonimi. E solo chi ha la
coscienza sporca si preoccupa così di questo.

> Se a me (esempio) mi condannano a 3 anni per un reato, dopo i 3 anni, è
> giusto che abbia la condanna a vita del mio nome associato pubblicaente
> al reato commesso?


Perché forse il reato svanisce? Se tu hai stuprato una donna forse dopo
3 anni lo stupro sparisce e tutto è come prima?

Se una babysitter avesse ammazzato un bimbo affidatogli e tu stessi
cercando una babysitter, avresti piacere di dargli tuo figlio perché da
Internet è sparito tutto?

> Meno male che in giudizio la pensano come me....


Difatti si sta sollevando indignazione perché è una sentenza idiota. Ma
sono contento che anche tu ti reputi tale.

> Ora cè pure il precedente, quindi chi si trova in questa
> situazione sa che il giornale viola la legge.


Ti informo, se non lo sapessi, che a differenza degli USA in Italia le
sentenze non fan legge (salvo entro certe accezioni quelle di cassazione).
segarender (19.01.2013, 22:50)
"THe_ZiPMaN" ha scritto nel messaggio news:qe61


>No, non mi girano i coglioni, se facendo una ricerca per nome e cognome
>salta fuori l'articolo in cui si dice che sono stato assolto.


ahahhahahahaha
Sai, di solito, se non si parla di nomi eccellenti gli articoli a rettifica
o gli articoli per dire che il tizio di 3 anni prima è stato assolto NON
ESISTONO PROPRIO, se non te ne sei accorto, torna sulla terra, o hai
influenze o soldi (tanti) per una eventuale rettifica se no, ti attacchi.

>E se non sono stato assolto non mi girano i coglioni uguale visto che è
>tutto vero. Dovrei forse nasconderlo? I coglioni girano solo a chi
>normalmente ha qualcosa di cui vergognarsi.


Allora perchè non tatuare i detenuti? perchè mai dargli il diritto di
rifarsi un vita?
Scriviamo anche nel citofono: Ex detenuto Sig. Rossi.

>> Al solito si tira l'acqua al proprio mulino, obiettività quì è una
>> materia sconosciuta, tutti froci col culo degli altri.


>Sì, per te sicuramente.


Si si... come no...

>Se la notizia è facilmente accedibile allora è idiota farla sparire dal
>web. Se la notizia non è facilmente accedibile allora facendola sparire
>dal web si crea un danno alla collettività.
>Quindi direi che stai trollando o proprio non ci arrivi.


Torna sulla terra, trolletto....
Meno male che il giudice la pensa come me... meno male... e si parla di
diritto di cronaca scaduto, che è una novità.
Se la pensasse come te, il prossimo giro sono gli esperimenti sugli
umani....
Il diritto fondamentale di rifarsi una vita&reputazione tu, non sai nemmeno
dove sta di casa.

>>>> Non puoi dare una condanna vitalizia ad una persona,
>>> E perché non potrei? L'ergastolo cos'è?

>> Ok, sei un coglione. Se avessi incominciato a leggere da qui non ti
>> avrei nemmeno perso tempo a risponderti.


>Sembrerebbe quasi che tu sia incappato in questa situazione... qualcosa
>di cui vergognarti?


Assolutamente no, ma se ci incappassi ti assicuro che farei di tutto perché
sparisse e fortunatamente la giurisprudenza sarebbe dalla mia parte e non da
quella di un pirla come te.

>>> Quale pubblica gogna? Non è pubblica gogna lasciare un archivio di
>>> notizie pubblicate liberamente consultabile a chi quelle notizie le ha
>>> lette.

>> Stai trollando, sei coglione? lo fai?...


>Qui l'unico coglione sei tu. Non dare del tuo agli altri.


Si si... come no.... Anche il giudice allora? la pensa come me su un tempo
di cronaca.


>Difatti non accade nemmeno oggi. Per esempio facendo una ricerca per un
>noto ristorante di Trento che alcuni anni fa era finito su tutte le
>prime pagine dei giornali locali per via della clonazione delle carte,
>con tanto di processo al titolare finito con assoluzione piena, oggi non
>c'è nessuna di quelle notizie nelle prime 3 pagine di google.
>E in quarta pagina compare come risultato la sentenza di assoluzione.
>Quindi solo un totale idiota dovrebbe lamentarsi del fatto che la
>vicenda sia comunque indicizzata dato che la rilevanza dell'assoluzione
>è in evidenza.


Forse avranno fatto cancellare la cosa? Se viene l'assoluzione ma non il
primo articolo è probabile che con qualche procedimento (fattibile anche
prima di oggi) qualche giudice abbia sentenziato cancellazione e rettifica
come si fa in tutti questi casi. Tu che ne sai? eri tu?

>Già risposto sopra. Il danno lo fa la prima pubblicazione della notizia,
>non la persistenza della stessa.
>Anzi, paradossalmente la mancanza di persistenza è proprio un danno per
>chi non ha nulla da nascondere. Se io avessi rubato le mele e fossi
>finito sulla prima pagina del giornale il danno lo ho in quel momento e
>nei mesi subito seguenti.


Si? sei un coglione. Ti facccio un esempietto che è come spiegare ad un
bimbo di 3 anni...
Ci sono cacciatori di teste (se non sai che significa cercatelo) che
controllano anche google & co. (social network inclusi) per vedere se un
candidato prima di essere assunto ha note di "demerito" o comportamenti
anomali, pensa un pò, che tu che hai rubato le mele 3 anni fa, non verrai
nemmeno preso in considerazione eh... carino eh?.... vorrei vedertici a
gridare alla privacy quando interessa te.... finchè interessa gli altri,
tutti froci col culo degli altri.

Va a dar via el ciap.

>Se poi venissi assolto avrei solo piacere che la mia assoluzione andasse
>a finire sulle prime pagine di tutti i giornali e che una ricerca su
>Internet desse come risultato la mia assoluzione; e che fossero a
>disposizione anche gli articoli della gogna mediatica cui sono stato
>sottoposto.


Sogna ragazzo, sogna e scendi sulla terra..
Un mio compagno di scuola se l'è pagata (su diversi giornali) la prima
pagina a smentita di un fatto di tangenti dove ne è uscito ampiamente
innocente, sbagliato proprio persona che aveva preso la tangente.... dopo
quasi 3 anni.... Insieme alla causa per far sparire il primo articolo e
relativo pagamento del danno con smentita, più di 100 mila euro nel caso,
aveva perso il lavoro, oggi non cè più nulla con il suo nome (per suo volere
ovviamente).

>> Pensaci un pò.... IL caso dell'investimento era solo un esempio, il tuo
>> nome a vita su internet associato all'omicidio di una persona, pur
>> colposo sempre assassino (per l'opinione dei più) rimani.


>Tanto uguale. Ho un amico che ha vissuto esperienza analoga. Per colpa
>di giornalisti idioti si è visto sbattuto in prima pagina con accuse
>infamanti che alla fine erano solo stupidate enfatizzate per la cronaca.


Toh, ora sono infamanti e idioti? quando iniziano a toccare il proprio culo
o i propri amici si cambia spesso tono, l'hai dimostrato ampiamente, fai il
frocio col culo degli altri.

>Ha beccato anche un risarcimento dal giornale. Se cerchi il suo nome
>salta fuori ancora la notizia, ma prima della notizia originale saltano
>fuori la condanna del giornale e la sua assoluzione dai fatti ascritti.
>Non se n'è mai fatto un problema, forse perché non aveva nulla da
>nascondere.


Pensa se io leggo solo la parte che l'accusano e l'altra no... che ridere.

>> Si, come no, e se è stato un errore tu condanni a vita quelle persone,
>> non il ristorante,


>Se c'è stato un errore non c'è stato dolo. Capisco che per te sia
>difficile comprendere simili concetti, ma forse con un po' di
>applicazione ci arrivi.


Io? sei tu che non ragioni...

>> possono mettersi a fare qualunque altro lavoro, se
>> metti il loro nome in internet salta fuori ciò che è successo.


>No.


No?... ma come, se sei contro la cancellazione ovvio che salta fuori, o ti
stai ricredendo?

>> Ti
>> ricordo che in molti casi, il giornale dice una cosa oggi, fra 3 anni
>> magari sei assolto, e nessuno rettifica un cazzo, il tuo nome è
>> associato al primo articolo, ti piacerebbe? omicida! (sempre riferito
>> all'esempio sopra).


>E questo non c'entra nulla con la questione di cui sopra. Un conto è il
>diritto alla rettifica o alla comunicazione di variazioni con la
>medesima enfasi, un conto è la cancellazione della storia. Non è
>difficile, dai che forse fra un mesetto ci arrivi.


ahhahaha
Sei fuori come un balcone.
Allora secondo te il giudice ha torto eh?
Come ha torto anche per gli altri, cosa credi che è solo il primo caso che
gli fanno causa al giornale e sparisce l'articolo on line?

>No, metterà il mio nome su Internet e vedrà mille altre cose prima di
>quello. Tra cui vedrà mille altre cose di miei omonimi. E solo chi ha la
>coscienza sporca si preoccupa così di questo.


Fesso, a meno che nel tuo quartiere-paese-zona non ci siano 1000 omonimi...
E spesso, cè pure la foto!

A FESSO....

>Ti informo, se non lo sapessi, che a differenza degli USA in Italia le
>sentenze non fan legge (salvo entro certe accezioni quelle di cassazione).


Ma tu pensi che sia l'unica questa? ahahahhahhaha
Ce ne sono centinaia se non migliaia questa è solo diversa sul fatto che
mette una questione "novità" diritto di cronaca scaduto, proprio quello che
dovrebbe essere, dopo un tot si cancella e basta, senza gogna pubblica a
vita...

Di persone che hanno vinto cause per diffamazione aggravata (anche tramite
procedimenti d'urgenza) contro i giornali ne è pieno il mondo, e gli
articoli son stati cancellati, basta avere i dindi e la volontà di farlo. Ma
non hai capito nemmeno questo, sei più ignorante di quel che traspari.
THe_ZiPMaN (20.01.2013, 23:42)
segarender wrote:
> ahahhahahahaha
> Sai, di solito, se non si parla di nomi eccellenti gli articoli a
> rettifica o gli articoli per dire che il tizio di 3 anni prima è stato
> assolto NON ESISTONO PROPRIO, se non te ne sei accorto, torna sulla
> terra, o hai influenze o soldi (tanti) per una eventuale rettifica se
> no, ti attacchi.


Fatto salvo il fatto che in genere la notizia dell'esito giudiziario
viene sempre data dai quotidiani, il problema in ogni caso non è
l'obsolescenza della notizia quanto il fornire la notizia in modo
completo ed oggettivo.
Vuoi far fare una legge per cui chiunque dia la notizia di un
procedimento giudiziario sia obbligato anche a dare con pari enfasi la
notizia con l'esito?
Bene, hai tutta la mia approvazione.

Se invece vuoi che si nasconda la verità allora resti un cretino.

>> E se non sono stato assolto non mi girano i coglioni uguale visto che è
>> tutto vero. Dovrei forse nasconderlo? I coglioni girano solo a chi
>> normalmente ha qualcosa di cui vergognarsi.

> Allora perchè non tatuare i detenuti? perchè mai dargli il diritto di
> rifarsi un vita?
> Scriviamo anche nel citofono: Ex detenuto Sig. Rossi.


Nessuno nega il diritto di rifarsi una vita. Questo non vuol dire che
uno debba avere il diritto di cancellare il proprio passato.
Stai confondendo, volutamente, le questioni... manco fossi un emule
povero di Ghedini...

> Meno male che il giudice la pensa come me... meno male... e si parla di
> diritto di cronaca scaduto, che è una novità.


Non vorrei infrangere tutte le tue certezze, ma come detto in Italia una
sentenza non è legge, e per quell'evento ci sono ancora due gradi di
giudizio. Confido che negli altri gradi di giudizio non vi siano
incompetenti come te a giudicare.

>> Sembrerebbe quasi che tu sia incappato in questa situazione... qualcosa
>> di cui vergognarti?

> Assolutamente no, ma se ci incappassi ti assicuro che farei di tutto
> perché sparisse


Avresti potuto far di tutto prima perché non accadesse.

> Forse avranno fatto cancellare la cosa?


No, Google non prevede questo "servizio".

> Se viene l'assoluzione ma non il
> primo articolo è probabile che con qualche procedimento (fattibile anche
> prima di oggi) qualche giudice abbia sentenziato cancellazione e
> rettifica come si fa in tutti questi casi. Tu che ne sai? eri tu?


No, non ero io, e l'articolo originale continua ad essere presente ed
indicizzato. Solo che viene DOPO l'articolo dell'assoluzione e dopo 3
pagine di giudizi sulla cucina del ristorante. E nella sentenza non v'è
traccia di alcuna richiesta di cancellazione, come difatti non avviene
mai a differenza di quel che tu, da totale incompetente, affermi.

> Ci sono cacciatori di teste (se non sai che significa cercatelo) che
> controllano anche google & co. (social network inclusi) per vedere se un
> candidato prima di essere assunto ha note di "demerito" o comportamenti
> anomali, pensa un pò, che tu che hai rubato le mele 3 anni fa, non
> verrai nemmeno preso in considerazione eh... carino eh?.... vorrei
> vedertici a gridare alla privacy quando interessa te.... finchè
> interessa gli altri, tutti froci col culo degli altri.


Vedi, cretino, quei "cacciatori di teste" non si fermano alle 3 mele
rubate... guardano anche se sul tuo profilo FB hai come amici gente poco
raccomandabile, controllano se ci sono scritti su Internet in cui dici
fesserie, e molto molto altro. Le 3 mele rubate sono l'ultimo dei
problemi, specie se si trova scritto che ne eri stato accusato
ingiustamente.
Se invece era vero allora è giustissimo che tu faccia i conti con il tuo
passato... se il potenziale interessato non ti ascolta anche se la
faccenda era di 10 anni fa vuol dire che non sa fare il proprio lavoro,
quindi non ti sei perso nulla.

> Va a dar via el ciap.


Vai avanti tu, che a me vien da ridere.

> Un mio compagno di scuola se l'è pagata (su diversi giornali) la prima
> pagina a smentita di un fatto di tangenti dove ne è uscito ampiamente
> innocente, sbagliato proprio persona che aveva preso la tangente....
> dopo quasi 3 anni.... Insieme alla causa per far sparire il primo
> articolo e relativo pagamento del danno con smentita, più di 100 mila
> euro nel caso, aveva perso il lavoro, oggi non cè più nulla con il suo
> nome (per suo volere ovviamente).


E quindi errore giudiziario. Fatto sbagliato, non un fatto realmente
accaduto. Non vedi la differenza? Mi tocca rimetterti nella gabbietta...

>> Tanto uguale. Ho un amico che ha vissuto esperienza analoga. Per colpa
>> di giornalisti idioti si è visto sbattuto in prima pagina con accuse
>> infamanti che alla fine erano solo stupidate enfatizzate per la cronaca.

> Toh, ora sono infamanti e idioti? quando iniziano a toccare il proprio
> culo o i propri amici si cambia spesso tono, l'hai dimostrato
> ampiamente, fai il frocio col culo degli altri.


No, cretino, in quel caso si è trattato di un giornalista idiota che per
fare la notizia ha enfatizzato l'evento. In particolare il giornalista
aveva scritto che la persona aveva investito un carabiniere ad un posto
di blocco quando nella realtà c'era stato solo un contatto tra la
paletta e lo specchietto causato dalla scarsa visibilità.

Ma tu, povero cretino, devi per forza giudicare anche se non sai, e
puntualmente fai le figure che meriti.

> Pensa se io leggo solo la parte che l'accusano e l'altra no... che ridere.


Beh, che al mondo vi siano imbecilli è risaputo, che tu appartenga a
tale insieme anche.

>>> possono mettersi a fare qualunque altro lavoro, se
>>> metti il loro nome in internet salta fuori ciò che è successo.

>> No.

> No?... ma come, se sei contro la cancellazione ovvio che salta fuori, o
> ti stai ricredendo?


Non è necessario cancellare nulla. L'obsolescenza della notizia su
Internet è naturale. Solo la ricerca con termini via via sempre più
specifici riporta ad una stessa notizia con il passare del tempo.
Sono cose che chiunque sa, tranne te e quel giudice evidentemente.

> ahhahaha
> Sei fuori come un balcone.
> Allora secondo te il giudice ha torto eh?


Naturalmente. E come me la pensa una grandissima fetta dell'opinione
pubblica e dei giornalisti per fortuna.

>> No, metterà il mio nome su Internet e vedrà mille altre cose prima di
>> quello. Tra cui vedrà mille altre cose di miei omonimi. E solo chi ha la
>> coscienza sporca si preoccupa così di questo.

> Fesso, a meno che nel tuo quartiere-paese-zona non ci siano 1000 omonimi...
> E spesso, cè pure la foto!


Dai babbuino, non prendertela... comunque capisco perfettamente perché
hai problemi a firmarti con nome e cognome... con le idiozie che scrivi
in effetti c'è da vergognarsi...

> Ma tu pensi che sia l'unica questa? ahahahhahhaha
> Ce ne sono centinaia se non migliaia questa è solo diversa sul fatto che
> mette una questione "novità" diritto di cronaca scaduto, proprio quello
> che dovrebbe essere, dopo un tot si cancella e basta, senza gogna
> pubblica a vita...


Quindi, da buon babbuino, hai appena scritto che questa è differente.
Fai mettere d'accordo lato destro e sinistro prima di scrivere.

> Di persone che hanno vinto cause per diffamazione aggravata (anche
> tramite procedimenti d'urgenza) contro i giornali ne è pieno il mondo, e
> gli articoli son stati cancellati, basta avere i dindi e la volontà di
> farlo. Ma non hai capito nemmeno questo, sei più ignorante di quel che
> traspari.


Vedi, babbuino, qui non si parlava di diffamazione... si parlava di
tutt'altro. Quando pensi di esserci arrivato tira la cordicella, che
così ti lancio la crocchetta in premio.

Nel frattempo parcheggiati su it.fan.culo che t'ho cacato già abbastanza
qui dentro e l'olezzo comincia a stufare.

f/u (chiaramente non rispondo più)
segarender (20.01.2013, 23:46)
"THe_ZiPMaN" ha scritto nel messaggio news:qe61

Coglione: plonk.
trickortreat (26.01.2013, 01:01)
Roberto Tagliaferri <tagliaferri> wrote in
news:kdb6pb$2r6b$1:

>
> Commenti?


Nel caso ha fatto bene il Giudice.

Invece, in generale, se l'italiano medio - ma simile ad altri latini - non
fosse cosi' provinciale, bigotto, superficiale, pettegolo (gossipy)
sicuramente il 'diritto alla cronaca' sarebbe ridimensionato al fare vera
cronaca e non gossip. Ma tant'e'!